SLOWMACHINE / Primo Canto per Voce e Tempesta, 28.9

SLOWMACHINE / Primo Canto per Voce e Tempesta, 28.9

sabato 28 settembre, h. 20.45, ingresso 10 € per biglietto comprensivo dell’ingresso al concerto de La Metralli
SLOWMACHINE
Primo Canto per Voce e Tempesta

Produzione SlowMachine, tratto da “Causa di Beatificazione” di Massimo Sgorbani.
Regia: Rajeev Badhan; con: Elena Strada.

Può la voce farsi immagine, e l’immagine farsi verbo? La voce di una donna, in un’astratta temporalità, “canta” l’estasi e il dolore della sua vocazione. Un monologo di struggente intensità linguistica, dove stretta è la relazione e sottilissimo il confine tra la violenza e il divino, tra il sacro e il profano, tra la disperazione e la gioia, tra la follia e l’estasi, tra la solitudine e la divina appartenenza al tutto.
Il testo è ispirato alle figure e alle testimonianze di Angela da Foligno, mistica del III° ordine francescano (1248 ca.-1309) e di Veronica Giuliani, mistica vissuta a cavallo tra 600 e 700.
Il lavoro centra nella parola la sua ricerca espressiva, parola che si struttura, crea immagini e svela non solo il significato del linguaggio, ma anche la sua emotività e la sua ritmica. L’interprete, nella sua solitudine, attraverso un vocal performer e un computer, si fa regista e direttore d’orchestra della partitura stessa in un fluire di narrazioni, respiri, suoni e silenzi.

SlowMachine nasce nel 2012 come progetto artistico d’indagine sulla contaminazione delle arti con l’esigenza di creare un polo che racchiudesse in sé l’ideazione, la realizzazione e l’interazione di lavori teatrali e video. Il gruppo è guidato da Rajeev Badhan ed Elena Strada, organizza e cura la Stagione Teatrale Belluno Miraggi e il Festival Vertigini. www.slowmachine.org

23 Set 2019 no comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

X