Way Out


unnamed copy

di e con Simona Baro, Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi

È la performance che Ateliersi propone in apertura del festival DIG di Riccione. È una trasposizione poetica e sonora per no-input mixer, voci e basso ispirata al progetto Call a spy, installazione del collettivo berlinese Peng!

Call a spy è un call center aperto al pubblico per raggiungere gli agenti dei servizi segreti di tutto il mondo e dialogare con loro. E’ una possibile via d’uscita per coloro i quali, avendo sottomano i dati  più sensibili del mondo, subiscono il massimo isolamento. Un isolamento che si può penetrare per porre una domanda, per attivare il mutamento.

DIG Festival internazionale di giornalismo >> http://www.dig-awards.org/
CALL A SPY >> https://www.intelexit.org/callaspy/
PENG! COLLECTIVE >> https://pen.gg/

X